The news is by your side.

CHIUSA LA CHIESA MADRE DI CARPINO

7

     Il 27 Maggio scorso, a seguito di piogge e venti, sono crollati pezzi di cornicione dal campanile e calcinacci e intonaco dall’interno della cupola della Chiesa Madre di San Nicola di Carpino, senza conseguenze, fortunatamente, per persone o cose (e dire che proprio Domenica 22 Maggio, in detta Chiesa, ci sono state oltre 40  Cresime, con l’Arcivescovo Mons. Castoro).  Il Campanile, già da alcuni anni, è stato transennato, nel tratto interessato di Corso Vittorio Emanuele (zona Storica) dove insiste tale edificio, a seguito di precedenti crolli e distacco di pietrisco. La cupola, come il campanile, ormai, evidentemente, giunta al limite, è oggetto di infiltrazioni di acque meteoriche, copiose ed evidenti dall’interno della chiesa. Per tali motivi, anche a seguito di sopralluogo e verifiche da parte dei Vigili del Fuoco, giunti prontamente sul posto nella stessa data, il Sindaco di Carpino Rocco Manzo e il Parroco don Tonino Di Maggio hanno ritenuto utile, opportuno ed urgente provvedere alla chiusura della Chiesa al culto, fino a quando non verranno eseguiti i lavori di messa in sicurezza delle parti interessate dai crolli (tutte le funzioni religiose si svolgono ora nell’altra Chiesa di San Cirillo d’Alessandria, anch’essa, a sua volta, bisognevole di lavori). E’ la seconda volta che questa Chiesa viene chiusa negli ultimi cinque anni;  la prima volta,  però,  per lavori già previsti e programmati.
       In realtà, i lavori di ristrutturazione e restauro del Campanile e della Cupola (interni ed esterni) fanno già parte del progetto generale, stralcio in questo caso,  di tutta la Chiesa Madre. Infatti, i primi lavori (Parroco don Celestino Jervolino), furono portati a termine tra il 2012 e il 2013, anche quelli erano ormai urgenti ed improcrastinabili,  e hanno interessato il consolidamento della volta in incannucciato, che passa su tutta la sottostante navata centrale dell’edificio (oltre quindici metri di lunghezza e sei di larghezza), il ripristino della funzionalità delle capriate lignee poste nell’intercapedine tra la volta e il tetto (ivi è stata riscontrata una enorme quantità di materiale di risulta giacente per precedenti lavori e comunque inspiegabile, che pesava in modo pericoloso sul tetto della navata) e della soprastante copertura del tetto con il rinnovo e risistemazione della tegolatura, nonché della cappella laterale, e ciò per quanto riguarda queste parti  interne. All’esterno sono state rinnovate, rinforzate e rinfrescate le  due pareti laterali e soprattutto restaurata la facciata principale, mentre il quarto lato sarà interessato, nel prossimo futuro, ai lavori connessi con i restauri del campanile e della cupola.
       I lavori ancora da eseguirsi, appunto, riguardano il restauro del Campanile, interno ed esterno, così come era in origine, come da progetto, l’esterno della cupola, per renderla tale, oggi quasi invisibile dal panorama, nonché quelli all’interno di essa, posta sull’ampio presbiterio, e consistenti nel consolidamento e salvaguardia dei disegni sulle murature, il restauro delle tele degli evangelisti poste ai quattro lati alla base della cupola stessa, previo, ovviamente, la eliminazione radicale, atavica delle infiltrazioni che hanno causato il parziale crollo di cui si è accennato, nonché l’intervento su tutto il presbiterio sottostante la cupola.
     I lavori fin’ora eseguiti sono stati regolarmente terminati, ma nello stesso tempo interrotti per l’esaurirsi dei fondi a disposizione e che sono giunti da numerosi fedeli di Carpino,  residenti e non, dall’8 x 1000 della Chiesa Cattolica, dall’Amministrazione Comunale di Carpino ed attraverso contrazione di Mutuo da parte dell’ex Parroco don Celestino Jervolino.
       Il progetto generale e i relativi lavori di restauro della Chiesa Matrice di Carpino sono dell’Ing.AntonioBiscotti e dell’Arch. Domenico Zezza, quest’ultimo anche Direttore degli stessi lavori (entrambi di Carpino), con la collaborazione del Geom. Antonio de Filippis e del Geologo Giovanna Amedei (di Rodi Garganico), e dell’Impresa esecutrice specializzata Eco-Arch di Bari, Responsabile Arch. Patrizia Corbisiero.
     Durante lo svolgimento dei lavori,  in data 8 Aprile 2012, giunsero  appositamente a Carpino il Responsabile per la tutela e la valorizzazione dei Beni Architettonici della Puglia, Arch. Nunzio Tomaiuoli e la Responsabile Provinciale dello stesso Organismo, D.ssa Ida Fini, i quali effettuarono un sopralluogo tecnico al sottotetto della Chiesa, ovviamente positivo. I lavori che interessavano la struttura architettonica della volta incannucciata e del sottotetto, così come riferì lo stesso Architetto Tomaiuoli, è simile a quella della Cattedrale di Foggia, anch’essa, allora, interessata da analoghi lavori che erano terminati  poco prima di quelli della Chiesa Madre in Carpino. E proprio i progetti di restauro e ristrutturazione della Cattedrale di Foggia e della Chiesa Matrice di Carpino furono esposti alla XIX Edizione del “Salone dell’Arte, del Restauro e della Conservazione dei Beni Culturali, Architettonici ed Ambientali” che si tenne presso la Fiera di Ferrara dal 28 al 31 Marzo 2012.
   Un po’ di storia della bellissima ed interessante Chiesa parrocchiale di San Nicola in Myra di Carpino. Il 22 Ottobre di ogni anno (quest’anno sarà il 338°)  ricorre l’anniversario della consacrazione e dedicazione (cioè il “Battesimo”) di questo Sacro Edificio (XVI sec.) e che fu, appunto, intitolata a colui che può esserne definito il suo “padrino”, e cioè San Nicola in Myra. Questa Chiesa (come scrisse il compianto Giuseppe d’Addetta, poeta, scrittore e giornalista di Carpino nel suo famoso ed introvabile libro “Carpino”, Ediz. C. Catapano – Lucera – 1973 e come da approfondite ricerche storiche da lui stesso effettuate e prodotte) fu consacrata il 22 Ottobre 1678 e dedicata in onore di San Nicola dall’allora Cardinale-Arcivescovo di Manfredonia Fr. Vincenzo Maria Orsini, di Gravina di Puglia, futuro Papa Benedetto XIII.  Nell’altare maggiore furono poste le reliquie dei SS. Martiri Dionisio e Lelio.  A ricordo di tale consacrazione fu posta nel tempio  una lapide commemorativa (con scritta in latino) tutt’ora esistente e leggibile, che così recita (con traduzione in lingua): “Nell’Anno del Signore 1678 – il giorno 22 del Mese di Ottobre – questa Basilica in onore di San Nicola – Vescovo e Confessore, con solenne rito consacrò – le solite indulgenze concesse e l’anniversario nel giorno 31 Agosto di ogni anno di celebrare istituì – Fr. Vincenzo Maria, Romano dell’Ordine dei Predicatori, dal titolo di S. Sisto della S.R.C., Cardinale Presbitero Orsini, Arcivescovo Sipontino, nell’Anno IV del suo Pontificato. Questa è la 26^ dedicazione di chiesa celebrata dallo stesso eminentissimo Arcivescovo” (pagg. 87 e 95 del testo del d’Addetta citato). E’ rimasto, invece, un arcano il fatto che questa Chiesa, in realtà, fu consacrata “il 31 Agosto”, come si evince dalla lapide, ma che, evidentemente, per volontà dello stesso Cardinal Orsini, la ricorrenza doveva essere festeggiata e celebrata il 22 Ottobre (come avviene a tutt’oggi). O forse perché  la stessa lapide fu collocata ufficialmente, con altra solenne cerimonia, in quest’ultima data, ma dell’anno successivo evidentemente, o perché il 31 Agosto furono poste sull’altare maggiore le reliquie dei Santi Martiri Dionisio e Lelio?…Non è dato sapere. Però è certo che il primo Parroco in assoluto, già all’atto della consacrazione della Chiesa (sempre dalla fonte di Giuseppe d’Addetta) fu l’Arciprete don Carlo Fiorisil da Ischitella;  mentre,  prima del 1678 non  risultano altre notizie di questo Sacro Tempio in quanto, probabilmente, in fase di costruzione che, si presume, sia iniziata già alla metà del XVI secolo.
    Il Sito Internet dei lavori di restauro, ristrutturazione e recupero della Chiesa Madre di Carpino è stato realizzato e curato dall’Arch. Pierluigi Pelusi di Carpino.

                                                                                                                   Mimmo Delle Fave


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright