The news is by your side.

IN CANADA MAURO VESCERA, FIGLIO DI VIESTANI. E’ DIRETTORE DEL MUSEO DI VANCOUVER E SOGNA DI COLLABORARE CON L’ITALIA… VIESTE SI CANDIDA!!

33

Nel secolo scorso sono stati tanti i viestani che sono emigrati in Canada. I loro figli si sono poi pienamente inseriti nella società canadese raggiungendo posizioni lavorative di primo piano. Fra questi c’è Mauro Vescera che dal febbraio dello scorso anno è amministratore delegato al Museo di Vancouver.
Già direttore esecutivo del Centro culturale italiano, Mauro Vescera ha lavorato presso la Simon Fraser University come raccolta fondi per doni importanti e alla Vancouver Foundation come responsabile della concessione di portafogli che includevano arte, cultura e salute.

Fa parte del consiglio di amministrazione della Jim Green Foundation e ha anche trascorso sei anni come presidente della Gordon e della Marion Smith Foundation, oltre a servire come membro del consiglio di fondazione del Small Change Fund.

Vescera ha conseguito un master in Affari internazionali presso la Johns Hopkins University, un diploma post-laurea in Storia del Rinascimento presso l’Università degli Studi di Firenze e un Bachelor of Arts presso la University of British Columbia.

Questa mattina nella trasmissione “L’Italia con voi” su Rai3 [questo il link su Raiplay per rivedere la puntata], Mauro Vescera è stato intervistato sulle iniziative del Museo di Vancouver. “I miei sono pugliesi, della provincia di Foggia, di un piccolo paese, Vieste, si trova sul Gargano. – ha raccontato Vescera – Mi piacerebbe fare una mostra con il museo in Italia. Sto lavorando con il console perché magari un giorno porterò qui [a Vancouver, ndr] qualcosa degli Uffizi per mostrare ai canadesi tutta la ricchezza italiana”.

Chissà che con lui Vieste non riesca ad organizzare un gemellaggio od uno scambio di mostre per rafforzare l’immagine di una destinazione turistica che offre non soltanto sole e mare, ma anche cultura, ai suoi ospiti, un percorso già avviato con il Polo Culturale.

   


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright