The news is by your side.

Vieste – Gli alunni convittori dell’Alberghiero scrivono alla preside: “Ci manca la scuola”

59

Nell’era della didattica a distanza forzata a causa del coronavirus, quando tutti gli alunni stanno comodamente a casa e possono svegliarsi anche ad ora di pranzo, le convittrici e i convittori dell’Istituto Alberghiero di Vieste vanno controcorrente e manifestano la lontananza dai banchi di scuola, da docenti ed istitutori e soprattutto dagli amici. Lo hanno fatto indirizzando una lettera alla Preside Ettorina Tribò nella quale sperano in un pronto rientro alla normalità e propongono di concludere questa quarantena con una grande festa. Pronta la replica del Dirigente Scolastico che, commossa dalle parole a lei indirizzate, ha accettato la proposta dicendo che “al vostro ritorno faremo la più bella di tutte le feste”.

Questi i testi integrali della lettera scritta dagli studenti e della risposta della preside.


Buongiorno sig.ra Preside,

Come sta? Spero tutto bene!

Noi, convittori e convittrici dell’Enrico Mattei, non vediamo l’ora di tornare a Casa! Già, e per casa intendo il convitto. Non ci crederà mai, ma ora che stiamo a casa, eh si la nostra casa: quella tanta agognata in convitto,  dove c’è il nostro letto, la nostra doccia, il nostro divano, la cucina o della mamma o della nonna e sopratutto il nostro nucleo familiare… Eh noi vogliamo tornare in convitto, incredibile, no?

È incredibile anche per noi, si figuri!

È incredibile di come ti manca un pezzo di anima perché non vedi da 15 giorni o poco più i tuoi amici, perché, oramai, con loro si è instaurato un tipo di feeling indistruttibile.

È strano, la mattina, non sentire nessuna sveglia da parte di istitutori ed istitutrici o il semplice incontrarsi a mensa, alle panchine, a scuola.

È strano perché ci sentiamo tolti dalla nostra routine, dai nostri happy radio, dai nostri litigi ed anche dai rimproveri degli istitutori.

È proprio vero che inizi ad apprezzare una cosa solo quanto non la hai più.

Noi, solo ora, in questi giorni agonizzanti di quarantena ma con gli occhi ricchi di speranza, ci siamo resi conto che il convitto è davvero la nostra casa. Un proverbio tibetano dice: “Là dove sei felice, sei a casa”.

Noi in convitto siamo felici, e speriamo, che anche Lei, anche se arrivata solo quest’anno, sia felice con noi, come noi.

Le proponiamo direttamente le feste “Addio Codiv-19”, del Deposito e Farwell party.

Ora, oltre l’umorismo, speriamo questo messaggio Le abbia strappato un sorriso in questi giorni grigi ed anche per ricordarLe che non si preoccupi, tanto ANDRÀ TUTTO BENE! Male che vada ci siamo noi Preside!

Un grande abbraccio da tutta la grande e magnifica famiglia del convitto Enrico Mattei.

A presto!


Grazie ragazzi il vostro messaggio ci ha commosso tutti, siete il cuore, l’anima e la forza del Mattei! Vi prometto che quando torneremo faremo una festa bellissima, la più bella di sempre. Ci mancate tantissimo anche voi e vi aspettiamo  qui per stare ancora  tutti insieme.

Vi abbraccio forte tutti.

LA VOSTRA PRESIDE


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright