The news is by your side.

Campo scuola della Cisl a Pugnochiuso

4

Giornata di formazione e dialogo quella di oggi per i corsisti del caposcuola di Pugnochiuso. Dopo infatti la mattinata di attività di gruppo in cui si è puntato l’attenzione sulla partecipazione nel lavoro nella società che cambia è stata la volta dell’intervento di Pier Paolo Baretta segretario generale aggiunto Cisl nazionale, con il quale abbiamo parlato di formazione e partecipazione, i temi portanti di questo campo.

Che ruolo ha oggi la formazione?

Baretta: “Il mondo è cambiato rapidamente e sono sorte per il sindacato nuove sfide inedite che implicano nuova cultura e maggiori professionalità. Questo non significa nuovi valori. Restano infatti fissi quelli per noi importanti come la solidarietà, la partecipazione che sono anzi ancora più attuali. A variare sono invece gli strumenti e le professionalità. In questo quadro la formazione assume un ruolo decisivo nella nuova generazione di sindacalisti che traducano in intese il lavoro. La formazione va rilanciata inserendola come rilevante nei bilanci delle categorie e compiendo sforzi importanti in questa direzione”.

 

Quest’anno il camposcuola si fonda sull’idea di partecipazione. Che significato ha oggi questa parola?

Baretta: “E’ un concetto molto più attuale che in passato, anche se qualcuno la considera obsoleta. Gli effetti della globalizzazione  portano minore peso del lavoro tradizionale, ma al lavoratore viene chiesto allo stesso tempo più protagonismo. La domanda è: il lavoratori sono soci o salariati? Quello che vediamo oggi è che ai lavoratori viene chiesto di lavorare come soci, ma resta invece una cultura che tratta la persona come subalterno. Qui la partecipazione è la risposta. Cambiamento del quadro internazionale dopo sandali e crisi monetarie c’è bisogno di rifare le regole del gioco. La democrazia economica diventa uno sbocco della democrazia politica. La partecipazione diventa il ruolo protagonista del sindacato”.

 

La partecipazione è ancora un valore per la Cisl?

Baretta: “E’ ancora un valore, anzi lo è ancora più di prima, perché senza sbocchi partecipativi non si realizza la tutela. Emancipazione è capacità di controllo sullfse decisioni importanti che devono essere prese”.

 

 

Altri due giorni di lavori domani e giovedì, mercoledì giornata libera per i corsisti e poi venerdì mattina, 8 settembre, è attesa la presenza di Raffaele Bonanni, segretario generale Cisl nazionale il cui interventi  previsto nella prima parte della mattinata.