The news is by your side.

«Niente sostegno al turismo pugliese»

2

«Solo 7 milioni e 800mila euro nel Bilancio autonomo della Regione sono destinati al Turismo, contro gli oltre nove milioni destinati alla cultura e altre decine di milioni sparsi tra capitoli di spesa assolutamente marginali e discrezionali come la comunicazione istituzionale». Così il Consigliere regionale azzurro Massimo Cassano dopo l’approvazione del documento contabile dell’Ente di via Capruzzi. «La maggior parte degli interventi che la Regione intende mettere in campo nel settore turistico – afferma Cassano – rientra nella programmazione del Por 2000-2006, quindi si tratta non solo di una programmazione fatta dalla precedente amministrazione, ma nella maggior parte dei casi la Giunta Vendola si limita a garantire il cofinanziamento di programmi europei». «Ci chiediamo e chiediamo al silente assessore Ostillio – è l’interrogativo polemico dell’azzurro – se ci sia e quale sia la strategia della Giunta Vendola per sostenere il settore forse più strategico dell’economia pugliese, così come chiediamo all’assessore Ostillio quanti di quei 7 milioni e 800mila euro sono destinati a sostenere gli investimenti nel settore turistico e a potenziare le infrastrutture secondo una regia, una programmazione che gli operatori turistici aspettano da tempo e della quale la nostra Regione non può più fare a meno se davvero vogliamo che in Puglia oltre al turismo stagionale legato alle nostre bellezze naturali si sviluppi anche un serio turismo congressuale, religioso, culturale». Per il forzista «la Regione dovrebbe svolgere un compito di sostegno reale alle imprese e a tutti gli operatori turistici, dotando il territorio di infrastrutture e gli operatori turistici di strumenti adatti a crescere e far crescere l’intero settore». «Se invece questa Giunta si limita a cofinanziare programmi europei e a intervenire a macchia di leopardo senza concordare una strategia con gli operatori del settore – conclude Cassano – non faremo mai del turismo una leva di sviluppo per la nostra Puglia».