The news is by your side.

Atletico Vieste – USD San Severo 1 a 1

4

Aria di colpaccio al Miramare di Manfredonia dove si sono incontrati Atletico Vieste e U.S.D. San Severo. Cielo coperto a far da scenario a questa prima gara del 2008 per la truppa di Nardino, e ben diciotto punti di differenza a sottolineare il divario tra la vicecapolista, padrona di casa, e i penultimi in classifica. Quest’oggi tale differenza non si è vista.Il Vieste, privo di molti dei suoi effettivi (Chiappinelli, Capuano, Calì), ritrova Rocco Augelli dopo un lungo infortunio. Il bomber garganico entrerà nel secondo tempo. Esordio per D’Accardio mentre l’ex lucerino Carretto si accomoda in panchina. 4-3-2-1 per il San Severo che può schierare i due neo acquisti Cartanese e Li Quadri, ma deve fare a meno degli infortunati Scanzano e Bufalo.
Fin dai primi minuti si nota che un San Severo spigliato come quello di quest’oggi può agevolmente tener testa alla vicecapolista. Il Vieste infatti si limita ad agire di rimessa non impensierendo mai il portiere Profilo. Gli ospiti fanno la partita soprattutto sulla destra, dove Florio ha facilmente la meglio sul giovane Sollitto. Solo la mancanza di quel pizzico di cattiveria in più non permette all’ala dauna di approfittarne al meglio. Nella prima mezz’ora le emozioni languono se si eccettua una conclusione in area di Florio che non inquadra la porta. Al 38’, nuovo guizzo dei dauni con una punizione di Florio dalla sinistra che pesca Gaggiano a pochi passi da Bua; il portiere se la cava con l’istinto e la posizione. Al 45’, Silvestri e un insufficiente Sollitto s'intralciano, favorendo l’inserimento in area di Florio che conclude da posizione defilata verso la porta vuota. Palla sull’esterno della rete.
Il secondo tempo comincia sulla falsariga del primo. Al 52’ una punizione di Adesso favorisce l’intervento di testa, all’altezza del secondo palo, di Gaggiano. La conclusione è alta. Al 64’, P. Augelli interviene con la mano nella propria area di rigore; per l’incertissimo De Benedictis di Bari è il rigore che Gaggiano trasforma freddamente un minuto dopo. Il goal scuote i viestani che in due minuti trovano un immeritato pareggio (almeno per ciò che si era visto fino a quel momento): angolo dalla sinistra di Scarano che trova l'inzuccata di Melchionda (in rete anche nello 0-1 dell’andata); Profilo non può nulla. Il San Severo non ci sta ed al 68’ è Gaggiano a saltare tre avversari prima di entrare in area e concludere di poco fuori alla destra di Bua. La partita si ravviva ed anche il Vieste decide di mostrare le sue doti. Al 70’ P. Augelli scende sulla sinistra prima di effettuare un cross rasoterra in area; Gentile si avvita ma conclude di poco a lato. Sempre P. Augelli da il là ad un’azione fotocopia della precedente al 76’; ancora una volta è Gentile a concludere al volo di poco fuori. Al 78’, Gaggiano sradica la sfera dalla difesa di casa e serve in area Li Quadri; solo l’uscita vincente di Bua evita alla giovanissima ala dauna la gioia del goal in pallonetto. Le emozioni non si fermano, al 90’ Mastromatteo coglie la traversa con una punizione da quasi trenta metri. Si chiude al 96’, quando Li Quadri si gira in area su fallo laterale di Florio, concludendo di poco fuori.
ANTONIO PIO CRISTINO


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright