The news is by your side.

Rodi, l’esclusione di Pinto dalla minoranza finisce al Tar

50

Sarà il Tar Puglia ad occuparsi della mancata nomina del consigliere comunale di Rodi Garganico, Nicola Pinto, a rappresentare la componente di minoranza del consiglio comunale del centro garganico in seno alla Comunità Montana del Gargano.I consiglieri di minoranza Concetta Bisceglie, Pino Vene­ziani e Domenico De Meo, uni­tamente a Nicola Pinto (attual­mente sospeso dalla carica per via delle recenti vicende giudi­ziarie che lo vedono coinvolto), hanno proposto ricorso innanzi al Tar avverso la delibera del Consiglio comunale di novembre scorso, con la quale sono stati nominati i rappresentanti in se­no all'Ente montano. Il fatto -Il sindaco Carmine d'Anelli – spiegano i consiglieri – ha impedito alla minoranza di eleggere il proprio legittimo rap­presentante. Infatti, il gruppo di maggioranza, composto da dodi­ci consiglieri, per "evitare che la minoranza riuscisse ad eleggere il proprio rappresentante ha fatto ricorso ad un clamoroso escamo­tage politico: fingendo una dis­sociazione di quattro componen­ti della stessa maggioranza (Mi­chele Azzellino, Maria Voto, Li­bero Mario Carnevale e Lazzaro Pupillo), che nel corso della se­duta del consiglio comunale di fine novembre, pochi minuti pri­ma della votazione dei suddetti rappresentanti in seno alla Co­munità montana, hanno improv­visamente comunicato di costi­tuire un autonomo gruppo di mi­noranza, pur esprimendo il loro apprezzamento per "l’impegno" profuso dal Sindaco d'Anelli e per "i risultati raggiunti con va­rie opere e non ultimo il porto turistico, ma non condividendo "l’applicazione dello strumento programmatico", che a parere dei consiglieri dissidenti non corrisponderebbe a quello "enunciato" dallo stesso sindaco, e riservandosi di valutare "volta per volta se votare a favore o con­tro". Subito dopo la dichiarazione di avvenuta costituzione di tale nuovo gruppo, la maggioranza, rimasta in appena otto compo­nenti (sui 17 consiglieri che com­pongono l'intero consiglio comu­nale), ha proceduto ad eleggere i propri due rappresentanti comu­nitari (Carmine d'Anelli e Sal­vatore de Felice), mentre il nuovo gruppo di minoranza ha fatto confluire i propri voti su Libero Mario Carnevale, che ha ripor­tato quatto voti. Il gruppo di opposizione, in­vece, composto da cinque com­ponenti, ma presenti soltanto quattro (assente il capogruppo Ni­cola Pinto a causa di concomi­tanti impegni istituzionali), ha votato per lo stesso Nicola Pinto al quale sono andati i quattro vo­ti: ex aequo con Mario Libero Carnevale il quale è stato eletto in rappresentanza della mino­ranza, in quanto anagraficamen­te più anziano. Di qui il ricorso al Tribunale amministrativo regio­nale, rivendicando, come gruppo di minoranza, il diritto ad avere un suo rappresentante in seno all'ente montano in quanto che "attraverso l'espediente della "finta" dissociazione di quattro suoi componenti -spiegano i quattro consiglieri-ha ottenuto il proprio scopo di impedire la cer­ta riconferma di Nicola Pinto".


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright