The news is by your side.

Aurea/ L’Europa dell’Est scopre il Gargano

24

Oggi ultima giornata di contrattazioni alla borsa del turismo religioso. Il momento «clou» c’è stato ieri con la sala del padiglione 71 gremita di buyers della domanda internazionale e di tour operator. La crisi sembra non faccia capolino sui viaggi dell’anima: «I pellegrini scelgono le località per fede, ma anche per conoscere luoghi diversi.  A mio avviso il segmento potrà fare sempre affidamento su un indotto formidabile», spiega Luigi D’Anna delegato della regione Campania. Il flusso di nuovi fedeli invaderà anche il Gargano nel 2009. Gli operatori dell’Est europeo sono i più convinti sostenitori di un’offerta che poggia naturalmente sul culto di San Pio, ma non soltanto. «E’ da tre anni che mandiamo turisti a San Giovanni Rotondo – spiega Malgorzata Ciunowicz, Api Travel di Varsavia – da noi funziona molto l’effetto emulazione. Il primo anno c’erano solo tre gruppi, l’anno scorso sono diventati dieci, quest’anno siamo a quota cinquanta. Per il 2009 il flusso non potrà che aumentare, oltretutto San Pio è venerato molto a Varsavia dove hanno pure intitolato una parrocchia». Si vende bene il turismo sul Gargano anche nella prospettiva dei voli charter? «Il pellegrino polacco, ma lo stesso vale per gli altri popoli dell’Est europeo, che si reca a San Giovanni Rotondo preferisce viaggiare in pulman – spiega l’operatrice di Varsavia – l’aereo, infatti, non entra ancora nella sua logica. Oltretutto il pulman consente di visitare nuove mete: noi, dopo San Giovanni Rotondo, stiamo mandando molti turisti a Monte Sant’Angelo nella grotta di San Michele». Poco Gargano invece tra le proposte degli operatori indiani e brasiliani, testimonial di posti lontani. «In India – spiega Davis Manjali – i cattolici sono concentrati nella regione di Kerala (a Sud di Delhi: ndr) che conta 48 milioni di persone. Un mercato che si muove più verso Assisi, Padova, Vaticano ovviamente. San Pio? No, non è conosciuto». «Quest’anno – aggiunge la brasiliana Daniele Santos – abbiamo promosso tre gruppi per un totale di 300 persone per San Giovanni Rotondo. Da quando è stato canonizzato, il vostro santo conta molti fedeli anche da noi. Ma è ancora un fenomeno di massa».


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright