The news is by your side.

Siponto: una città “abbandonata” nel Medioevo

67

Una mostra che racconta una ricerca.

 

Martedì, 20 luglio alle ore 18.00 nel Castello di Manfredonia, sede del Museo Nazionale, si inaugura la mostra Siponto: una città “abbandonata” nel Medioevo, organizzata nell’ambito del progetto VALORIZZAZIONE MUSEALE DELLA CIVILTÀ SIPONTINA, Deliberazione CIPE N. 26/2003 COD. INT 03 PIS 12, finanziato dalla Regione Puglia.
A promuoverla l’Università degli Studi di Bari Aldo Moro con la collaborazione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Direzione Regionale e Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia.
La direzione e il coordinamento sono a cura della prof. Caterina Laganara, docente di Archeologia Medievale presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Ateneo barese.

La mostra è uno dei due segmenti in cui si articola il progetto, che prevede la sistemazione nel Parco Archeologico di Siponto dell’area interessata dagli scavi, condotti nella forma del campo-scuola dall’Università a partire dal 2000,  e la successiva musealizzazione degli esiti della ricerca attraverso una esposizione permanente,  concepita per poter accogliere eventuali e auspicabili sviluppi futuri della ricerca scientifica.

Tre gli obiettivi prefissati: conoscenza, valorizzazione e fruizione, raggiunti attraverso una proficua interazione tra più settori disciplinari – umanistico e scientifico (Centro Interdipartimentale
Laboratorio di Diagnostica dei Beni Culturali )- e grazie alla collaborazione per specifiche professionalità del Laboratorio di Topografia Antica e Fotogrammetria (LabTAF) e del Laboratorio delle Fonti Letterarie, Epigrafiche e Numismatiche dell’Università del Salento.

Il lavoro dell’archeologo, condotto con rigorosa metodologia, restituisce alcuni interessanti aspetti della fase postclassica della città, antica colonia romana, che aiutano a meglio comprenderne le alterne vicende fino al completo abbandono alla metà del XIII secolo, in favore dell’emergente centro di Manfredonia, che diviene prevalente nell’assetto del territorio.
 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright