The news is by your side.

L’assessore Barbanente premia le “Buone pratiche” del paesaggio

5

In occasione del processo di costruzione del Piano paesaggistico regionale, la Regione Puglia ha istituito un Premio per buone pratiche: azioni, interventi, opere (già realizzati o in fase avanzata di attuazione, e di cui dunque siano documentabili i risultati) significativi in termini di miglioramento della qualità del paesaggio e che possono servire come riferimento per iniziative analoghe.  L’iniziativa del Premio ha inteso rafforzare l’impostazione del Piano come strumento non solo tecnico, ma anche come occasione per la società pugliese per riflettere su come tutelare e valorizzare il paesaggio regionale. Il Premio è stato aperto nel mese di giugno e si è chiuso il 31 dicembre del 2009. Sono state segnalate 104 buone pratiche sul sito http://paesaggio.regione.puglia.it. Una commissione composta da consulenti del Piano paesaggistico e da personalità del mondo della cultura e della ricerca pugliese particolarmente sensibili al tema del paesaggio (Francesco Carofiglio, Franco Chiarello, Nicola Signorile, Edoardo Winspeare), ha valutato le proposte pervenute e selezionato quelle ritenute più meritevoli. Nel corso della cerimonia odierna, sono state premiate nove buone pratiche. Tre quelle messe in atto in provincia di Foggia : Parco urbano a San Severo, con la trasformazione di una discarica di materiali edili in un giardino pubblico; miglioramento della qualità urbana riqualificando un sito prima occupato da fenomeni di degrado; Pista ciclabile Trinitapoli-mare, con l’integrazione delle risorse ambientali presenti nell’area con gli itinerari ed i circuiti esistenti, gli impianti per la ricettività turistica ed i servizi presenti sulla costa; azione-innesco per lo sviluppo di una più ampia rete di mobilità ciclabile; Ristrutturazione di edifici ferroviari della linea San Severo-Peschici per la realizzazione di case del Parco,(Ferrovie del Gargano, Parco Nazionale del Gargano): sfruttamento delle potenzialità turistiche della Ferrovia del Gargano per accedere al territorio del parco senza ricorrere al mezzo privato; parziale riconversione degli edifici delle stazioni in strutture ricettive.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright