The news is by your side.

Vieste/GIUFFREDA-CALDERISI (“Per un’altra Vieste”): “NON SI VUOLE FARE CHIAREZZA SUI RICORSI TARSU”

5

Riceviamo e pubblichiamo
Il Consiglio Comunale di ieri ha chiarito una volta per tutte, se mai ci fosse stato qualche dubbio, che il Sindaco e la sua “parziale” maggioranza (come altro si può definire?) non hanno alcuna intenzione di fare chiarezza fino in fondo sui ricorsi TARSU. La proposta delle opposizioni di istituire una commissione di garanzia, indagine e controllo sull’attività del Comune sulla vicenda TARSU è stata respinta, anche se con la parità di voti, poiché così dispone la legge.

Hanno votato a favore tutti i consiglieri di opposizione (Giuffreda, Calderisi, Spina Diana, Clemente, De Vita) e i consiglieri di maggioranza del nuovo gruppo “Nuovo Centro Destra “(Caruso, Montecalvo). Hanno votato contro : Falcone, Mascia, Nobile, Parisi, Prudenza,Vescera, G.Zaffarano. Sono usciti dall’aula al momento della discussione di questo punto e sono  risultati assenti  al momento del voto i consiglieri: Notarangelo, Rosiello e R. Zaffarano  (per evidenti motivi di incompatibilità).

 La dichiarazione letta dal Sindaco  è una ulteriore prova dell’ arroccamento sulla posizione di chiusura totale verso una iniziativa volta alla trasparenza e alla difesa della istituzione comunale. Dalla relazione del Sindaco emergono  chiarissime le intenzioni con cui intende governare la nostra città:
1.    su questa vicenda il Comune non deve intervenire perché esistono altre sedi  competenti. La relazione , infatti, recita che”la proposta… va rigettata perché è inammissibile”;
2.    le opposizioni, che svolgono il loro ruolo con gli strumenti che la democrazia consente, hanno “…comportamenti  irresponsabili che possono condurre a manifestazioni di ostilità nei confronti di rappresentati delle Istituzioni…”
In sintesi: non solo non si deve fare luce su una  questa questione che ogni giorno diventa più torbida, ma bisogna pure subirla nel silenzio generale, perché altrimenti si corre il “rischio della deriva della democrazia”.
 Queste affermazioni sono gravissime e dimostrano ancora una volta l’incapacità del Sindaco ad assolvere al compito che le compete.
A maggior ragione, dopo l’avvenuta lettura della relazione del Sindaco, riteniamo che questa Commissione non solo non sia “inammissibile”, ( peraltro queste Commissioni sono previste dalla Statuto comunale) ma addirittura diventi  indispensabile, se veramente si tiene alla difesa dell’istituzione comunale.
Il non aver approvato l’istituzione della commissione da noi richiesta, non sarà certo motivo di desistenza da parte nostra. La legge consente a tutti i cittadini ed in particolar modo ai Consiglieri Comunali di accedere a tutti gli atti di cui dispone il Comune, cosa che già stiamo facendo nello svolgimento del nostro ruolo.
Rimane la profonda delusione di aver perso un’occasione per ricucire uno strappo che in questo momento si sta creando fra i cittadini e l’istituzione comunale , poiché questa vicenda  ne colpisce la credibilità. Quanto alla credibilità del sindaco e della sua giunta, riteniamo che alla luce delle ultime delibere adottate tendenti a “difendere” i  tre amministratori, ormai non possa essere più riacquistabile.

“per un’altra Vieste”
Annamaria Giuffreda
Giuseppe Calderisi

 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright