The news is by your side.

Vico/ Si respira già aria di campagna elettorale

13

Scende in campo l’ex sindaco Amicarelli.

 

Mancano nove mesi ancora alle elezioni ma l’aria che si respira, con l’attività amministrativa in stand by complice la pausa estiva e le grosse questioni (vedi Piano urbanistico) bloccate è di campagna elettorale. Chi va e chi viene, tanti i punti interrogativi, le probabili riproposizioni e le new entry in un panorama politico in fermento. C’è chi ha già cominciato a lavorare, chi si guarda in giro per attrezzare liste vincenti e chi aspetta momenti migliori per agire. Chi non ha fatto mistero della sua volontà di riproporsi è un vecchio nome della politica vichese, quel Pierino Amicarelli la cui discesa in campo (salvo imprevisti dell’ultima ora ha scaldato i consensi. E’ oramai manifesto il palese schieramento, dalla parte del neocandidato, del presidente del Consiglio Comunale Costanzo Di Jorio che non lesina aggettivi di stima per Amicarelli. «Può essere l’uomo giusto per ridare smalto alla politica». Tantissime le richieste di candidatura al fianco di Amicarelli da parte di chi vede in lui il vero fautore di una rinascita amministrativa del Comune di Vico. Amicarelli, continua Di Jorio, da vero Vichese è sempre stato presente e residente, ha lasciato un segno indelebilmente positivo in Vico, è di oggi la notizia dell’entrata in funzione della nuova Caserma dei vigili del fuoco progetto fortemente voluto dall’ammmistrazione Amicarelli, non può passare inosservato , come il periodo di benessere sociale nel quale il paese ha vissuto negli anni di Amicarelli e sono ben visibili le migliorie urbanistiche apportate in quegli anni che hanno dato un aspetto giusto ad una cittadina che si definisce turistica, l’auditorium Comunale, il completamento della villa Comunale, la difesa ad oltranza di tutto qello che era proprietà di Vico. A Vico, quando governava Amicarelli, il lavoro non mancava a nessuno. Amicarelli sta parlando con tutte le forze politiche riconducibili alle sue origini per allargare il cerchio del progetto. Contro Amicarelli almeno altri due o tre candidati: un direttore di banca di Forlì trasmigrato a Vico da qualche tempo, forse Matteo Cannarozzi de Grazia, anche lui ex sindaco che non ha ancora sciolto le riserve e qualcuno dell’attuale amministrazione che aspetta tempi migliori per decidere. Tutti a Vico sono intanto consapevoli della importanza di una amministrazione che non viaggi a pensiero bloccato come avvenuto in questi anni. Turismo e piano regolatore sono gli obiettivi primari di un paese che di potenzialità ne conta fin troppe per viaggiare come un dinamico paralizzato.

Francesco Mastropaolo


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright