The news is by your side.

Vieste/ Ci ha lasciato Elisa Torre da Radio Vieste1 inventò il “punto di vista femminile” nel paese

40

Non dimenticheremo la tua forza, il tuo entusiasmo, la tua generosità, da donna, da mamma, da amica. Sapevi dare tanto, sempre. Un abbraccio grande Elisa. L’anima libera è rara, ma quando la vedi la riconosci, soprattutto perché provi un senso di benessere quando gli sei vicino….

Non ti dimenticheremo.

Maria Grazia, Angelo, Magy, Gianni mamma è una grande!

(…) Così partiva… Samba Pa Ti, la sigla di “Elisaminiamoli”. Un quaderno e un libro davanti con tanti fogli sparsi alla rinfusa. (….). Elisa inventò il “punto di vista femminile” nel paese. Prima la donna non parlava se non in casa. Gli veniva riconosciuto un ruolo solo nel privato. All’inizio fu criticata perché suggeriva alle donne di mobilitarsi per il cambiamento della loro vita e quella del paese. Quelle trasmissioni entravano non solo in casa ma nell’anima. La donna che iniziò a comprendere la differenza tra gli assessorati. Seguiva le interviste dei politici, interveniva telefonicamente nelle discussioni. Parlava in casa riportando e rapportandosi col marito. Si rese conto di come la conoscenza di un evento venisse, il più delle volte, comunemente confusa con la sua comprensione. Iniziò a prendere decisioni. Elisa non costruì un’ “altra” identità di un“altro”soggetto “donna”, ma aprì la strada a tante possibili identità. Miracolo della radio! Quella radio era il suo campo di battaglia. Quelle discussioni radiofoniche ebbero un ruolo essenziale nel dare consapevolezza alla rappresentazione delle donne e nel promuovere idee su possibili cambiamenti delle allora tendenze. Non solo si parlava dei primi, ma anche degli ultimi. Non si era mai soli. (…) Finalmente le donne per la prima volta parlarono in quel paese. Molti agiscono, pochi lasciano il segno. Tra questi certamente Elisa che, con il suo impegno giornalistico e civile, ha accompagnato ogni passaggio cruciale della vita del Paese….

Da Non avete una stazione ferroviaria … ma avete una stazione radiofonica!

Di prossima pubblicazione

n.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright